…l’arte di mangiare bene…

La cucina è una bricconcella; spesso e volentieri fa disperare, ma dà anche piacere, perché quelle volte che riuscite o che avete superata una difficoltà, provate compiacimento e cantate vittoria. (cit. Pellegrino Artusi)

Informazioni sul prodotto

 

 

Caramelle alle erbe

Donna Moderna: Caramelle alle erbe

 

Ingredienti

 

aglio  q.b.

burro  q.b.

Caciocavallo delle Monache Irpino q.b.

farina o  300 grammi
grana  q.b.
prezzemolo  q.b.
sale  q.b.
salvia  2 foglie
uova  3
vino bianco  Fiano di Avellino Antico Borgo q.b.
maggiorana  q.b.
dragoncello  q.b.
cipolla  q.b.
basilico  10 foglie
pepe  q.b.
crescenza  100 grammi
 

Preparazione

 Per la sfoglia setacciate 300 g di farina sulla spianatoia, fate la fontana, spolverizzate di sale e sgusciate nell’incavo 2 uova. Impastate gli ingredienti prima con la punta delle dita, unendo qualche cucchiaio di vino bianco, poi lavorate la pasta a piene mani, finchè risulterà omogenea e formerà delle bollicine. Fate un panetto e lasciatelo riposare coperto con un telo infarinato.

 Lavate e tritate finemente un ciuffo di prezzemolo, 10 foglie di basilico, un cucchiaio di foglie di maggiorana fresca, 2 foglie di salvia e, se vi piace,anche qualche fogliolina di dragoncello. Mettete il trito ottenuto in una terrina, unite un uovo, 100 g di crescenza (o altro formaggio morbido), e 120 g complessivi tra grana ed cacioccavallo delle Monache grattugiati.
Riprendete il panetto di pasta e stendetelo in una sfoglia molto sottile, dalla quale ricaverete dei quadrati di circa 10 cm di lato. Adagiate nel centro di ogni quadrato un mucchietto di ripieno, poi arrotolatelo e chiudete le 2 estremità a caramella, saldandole bene per evitare che si aprano in cottura. Fatele lessare in abbondante acqua bollente salata e scolatele al dente. Per il condimento potete procedere in 2 modi: usare del burro fuso profumato con un trito di prezzemolo e basilico, aggiunto al burro fuori dal fuoco, oppure rosolare in 4 cucchiai di olio un trito di cipolla e aglio, unirvi dei filetti di pomodorino (circa 300 g) e un trito di prezzemolo e basilico, sale e pepe. Fate cuocere questo sugo a fiamma viva per pochi minuti, versatelo sulle caramelle e spolverizzate.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Polpette di zucchine

 

 

Polpette di zucchine

 

Ingredienti per 30 polpette:

Zucchine 800 gr (4 zucchine grandi)

Ricotta 100 g

Parmigiano reggiano grattugiato, 80 gr

Uova 1

Menta 5 foglioline

Sale q.b.Pepe q.b.Farina q.b., per infarinare

Pangrattato 4 cucchiai

…per friggere:

Olio di semi q.b.

 
Per preparare le polpette di zucchine iniziate lavando le zucchine e privandole delle estremità. Poi grattugiatele con una grattugia a fori medi  e mettetele su di un colino appoggiato su una ciotola capiente. Salate leggermente le zucchine, mescolatele e posatevi sopra un piattino sul quale collocherete un peso. Lasciate così le zucchine per circa mezz’ora, di questo modo perderanno moltissima acqua. Strizzatele ancora e ponetele in una ciotola, poi aggiungete la ricotta, il parmigiano grattugiato, l’uovo, la menta tritata e 4 cucchiai di pangrattato. Mescolate bene per amalgamare gli ingredienti, poi aggiustate eventualmente di sale e pepate.Formate con l’impasto così ottenuto delle piccole polpette leggermente schiacciate, infarinatele bene su tutti i lati e friggetele in olio di semi fino a che saranno ben dorate (con le dosi indicate si ottengono circa 30 polpettine). A questo punto scolatele per bene con una schiumarola e posatele su della carta assorbente per togliere l’olio in eccesso. Servite le polpette di zucchine immediatamente!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La  Pigna

 Dolce pasquale tipico di Avellino.
250 gr farina
2 dl acqua tiepida,
1/2 cubetto di lievito di birra o 2 bustine lievito (lievitazione fuori forno)
Si impastano questi ingredienti e si aspetta che il volume della pasta triplichi il volumedopo si uniscono 750 gr di farina 5 uova 400 gr zucchero
succo di mezza arancia
1 dl di latte tiepido
buccio grattuggiata di una arancia
1/2 bicchierino di strega
mettere tutto in uno stampo molto alto perchè il composto triplicherà il suo volume lievitando per 24-36 ore, infornare a forno freddo a 180° per 45-50 min (fare la prova stecchetto). Sfornare e ancora caldo decorare con naspro e diavolicchi.
 il naspro:
zucchero a velo quanto volete, coprirlo di acqua, farlo bollire eventualmente schiumarlo, mettere il pentolino a bagnomaria freddo e cominciare a battere il composto in modo che diventi, bianco, bianco fluido, bianco fluido consistente. Battete ancora fino a quando mettendo un pò di naspro tra le dita questo non fili. Mettete il naspro sulla pigna (se volete fate dei buchi profondi con uno stecchetto in modo che il naspro liquido entri all’interno. Mettete i diavolicchi e aspettate che il naspro solidifiche ed imbianchi.

 

 

IL CALZONE DI CIPOLLA

  Per il ripieno:                                                     

1,5kg di  Cipolle Ramate di Montoro 

olio extravergine di oliva

sale

 una ventina di pomodorini ciliegini

 una ventina di olive in acqua

 5 o 6 cucchiai colmi di formaggio grattuggiato

 Per l’impasto lievitato:

 500gr di farina

acqua tiepida (tra i 260 e i 310ml)

 30ml di olio extravergine di oliva

 1 cucchiaino raso di zucchero (o miele o malto)

 7 gr di lievito di birra disidratato (o 25gr di quello fresco)

 13 gr di sale fino

 Per il ripieno:

 Il ripieno può anche essere preparato il giorno prima in modo che si insaporisca meglio; l’importante è che quando si farcirà la pasta lievitata sia freddo.

 Pulire le cipolle e tagliarle in 2 o 3 per la lunghezza e poi ogni tocco ancora in 2 o 4 (a seconda della loro grandezza);

 Stufare a fuoco bassissimo le cipolle con olio e sale in una padella con il coperchio, senza aggiungere acqua (ci vorrà molto molto tempo, anche 2 ore; non affrettate i tempi perchè questa cottura lentissima aiuta a rendere un po’ più digeribili le cipolle che devono risultare morbidissime e niente affatto croccanti).

 Quasi a cottura ultimata aggiungere i pomodorini tagliati in 4 e le olive snocciolate e tagliate a rondelle.

 Fare raffreddare e aggiungete il formaggio grattuggiato; eventualmente aggiustare di sale.

 Per l’impasto lievitato:

 Mescolare la farina con il lievito e lo zucchero.

 Fare la fontana, mettendo sul bordo il sale e al centro l’olio miscelato con 260ml di acqua.

 Impastare energicamente, aggiungendo se necessario, il resto dell’acqua.

 Formare una palla, dare un taglio a croce e far lievitare in una ciotola appena oliata fino al raddoppio (almeno 1 o 2 ore dipende dalla temperatura della stanza).

 Composizione e cottura:

 A lievitazione ultimata, dividere la pasta in due.

 Ungere il fondo di una teglia.

 Stendere la pasta in 2 dischi sottili, aiutandosi con il matterello e un po’ di farina.

 Con il primo disco foderare la teglia.

 Versarvi sopra le cipolle stufate e ben sgocciolate dal liquido di cottura.

 Ricoprire con il secondo strato di pasta e chiudere la pizza formando un cordoncino lungo il bordo.

 Spennellare la superficie del calzone con un altro po’ di olio d’oliva.

 Cuocere in forno caldo 220°C fino a completa doratura.

 Servire a fette, sia caldo che freddo. Buon appetito !!

 

  

 

 

 

 

 

Cicatielli con broccoletti e pancetta

Nel formare questa pasta i pezzetti vengono fatti rotolare sulla spianatoia, comprimendoli con due o tre dita della mano, “ciecandoli” insomma con rabbia e forza. Chi ha già lavorato la pasta di grano duro sa quanta energia ci voglia.
Mi piace ricordare  il detto chi si magna lu ruoccolo s’adda sta fermo cu lu paruoccolo“,
per la pasta: 
150 g di farina di semola di grano duro 
50 g di farina 00
acqua calda
sale

250 g di broccolo fresco
70 g di pancetta a dadini
1 spicchio d’aglio

 Impastare i due tipi di farina con il sale e l’acqua calda, fino a formare un impasto sodo.
 Lasciare riposare per 20 minuti.
 Prendere  una porzione di pasta e  formare  un serpentello lungo del diametro di1 cm.

 Tagliare  il serpentello in pezzetti di3 cme poi con tre dita ho schiacciato ogni pezzetto di

  pasta, facendolo rotolare sulla spianatoia infarinata.
  Ripetere fino ad esaurimento della pasta.

  Preparare  il condimento, lavando e lessando i broccoli e schiacciandoli leggermente con

  la forchetta.
  In un’ampia padella  mettere  lo spicchio d’aglio in due cucchiai di olio extravergine

  d’oliva.  Fare  leggermente rosolare ed  aggiungere la pancetta a dadini, lasciando che si

 dori per bene. Poi aggiungere  i broccoli e proseguire la cottura,aggiungendo 

 all’occorrenza un goccino d’acqua calda. 

 Lessato i cicatielli in abbondante acqua salata e farli saltare in padella con il condimento

  finché sono ben insaporiti.

 

Confettura di Ciliege

Ingredienti: Ciliege snocciolate  1 Kg  -  Zucchero  300 gr.  -  Limone  1

 Preparazione

Per preparare la confettura di ciliege iniziate lavando bene le ciliege, poi asciugatele e privatele del picciolo, tagliandole a metà.

Mettetele quindi in una ciotola, aggiungete lo zucchero, la scorza del limone e lasciate riposare il tutto per almeno 6 ore o per tutta la notte in un luogo fresco e asciutto o in frigorifero.

Trascorso questo tempo eliminate le scorze del limone.

Mettete la frutta in un tegame e cuocete a fuoco moderato per circa un’ora, mescolando di tanto in tanto e togliendo la schiuma che si forma in superficie con una schiumarola,

La confettura di ciliege sarà pronta quando versandone una goccia su un piatto inclinato, questa non colerà ma resterà compatta, omogenea e senza sbavature.

 

Passate quindi la confettura con un passaverdure, oppure se amate la frutta a pezzi potete lasciarla così o passarne solo metà.

A questo punto versate la confettura ancora bollente nei vasetti precedentemente strilizzati, chiudete subito ermeticamente e capovolgete i barattoli su un piano di legno.

Aspettate che i vasetti siano freddi, quindi etichettateli e riponeteli in un luogo buio e fresco fino al momento dell’utilizzo.

Consumare dopo un mese.

 

 

 

 

Copyright © 2017 Buoni e Cortesi Tutti i diritti riservati